Non ti abituare al reflusso gastroesofageo!

Il 15% della popolazione che soffre di reflusso gastroesofageo nota questa sensazione di cibo, precedentemente ingerito, che risale nella gola. Quasi tutti l’abbiamo provata almeno una volta nella vita ma, questa percentuale di persone, ci deve combattere ogni giorno. Questo succede perché lo sfintere esofageo è eccessivamente rilassato. Se il reflusso gastroesofageo è un disturbo che ti affligge almeno 2 volte alla settimana, allora è il momento di consultare il tuo medico perché potresti soffrire di ernie o ulcere allo stomaco. I consigli che ti darò possono aiutarti ad alleviare questo disturbo.

  • Evita pasti troppo grandi. Non eccedere con i grassi, i dolci, il cioccolato e la cipolla. Limita le spezie, il caffè e le bevande gassate. Aggiungi alla tua dieta il grano e altri cereali, sempre meglio se integrali.
  • Non indossare indumenti troppo stretti o che comprimono la zona addominale, ad esempio evita le cinte se non strettamente necessarie.
  • Includi la glutammina dell’uovo nella tua dieta. Questo amminoacido ti aiuta a rigenerare il tessuto dello stomaco e dell’esofago che si potrebbero danneggiare a causa del reflusso. La glutammina, oltre che nell’uovo, si trova nella carne di manzo, di pollo, nel pesce e nei latticini, quindi abbiamo solo l’imbarazzo della scelta.
  • Aggiungi al tuo menù l’acido folico. Ho già parlato in altri articoli dell’importanza di questa vitamina, che oltretutto può ridurre il reflusso. Assumi circa 300-400 mg di questa vitamina ogni giorno attraverso integratori o nella dieta e ricorda che è contenuta in tutte le verdure a foglia verde.
  • Dormi con la testa leggermente più alta. La gravità di aiuterà ad evitare il reflusso, ma non utilizzare due cuscini che potrebbero aumentare la pressione a livello dello stomaco, meglio optare per un materasso motorizzato o che si può alzare e abbassare manualmente.Meccanismo del reflusso gastroesofageo
  • Controindicazioni dei farmaci. Controlla insieme al tuo medico di base se alcuni dei farmaci che assumi presentano, fra le tante controindicazioni, anche quella di provocare reflusso gastroesofageo.
  • Riduci il grasso addominale. Fai esercizio fisico almeno 4 volte a settimana e cerca di effettuare almeno 5000-6000 passi al giorno (l’OMS ne raccomanda almeno 8000 giornalieri), che ti aiuteranno ad alleviare la tua condizione e a perdere qualche chilo di troppo.
  • Lo stress e l’ansia peggiorano notevolmente il reflusso gastroesofageo. Cerca di svolgere delle attività che possano aiutarti a rilassare oppure chiedi aiuto a un Naturopata per riequilibrare la tua situazione.

Il reflusso gastroesofageo ci avvisa che lo stomaco sta soffrendo per uno dei motivi sopra elencati o per un insieme di questi ultimi. Esistono molteplici soluzioni che possono aiutarti e qualora vorrai, La Naturopata Online è a tua disposizione!

You must be logged in to post a comment.

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni o disattivare i cookie clicca su Informativa Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi