Stitichezza: quando preoccuparsi?

La stitichezza, anche chiamata stipsi, è un disturbo che colpisce in particolar modo le donne ma che insorge anche negli uomini. si tratta di un sintomo che può presentarsi in base a numerose alterazioni dell’organismo che vanno ad influire sui ritmi intestinali minandone la funzionalità. In questo articolo vi propongo 5 chiavi per allontanare la stitichezza.

1) Cominciamo col dire che soffri realmente di stipsi quando riscontri almeno 2-3 dei seguenti fattori: la frequenza è regolare quando è inferiore a 3 volte al giorno e superiore a 3 volte la settimana, ciò significa che se le tue visite al bagno non rientrano in queste cifre devi iniziare a trovare una soluzione; l’aspetto delle feci deve sempre essere controllato, non devono mai presentarsi a forma sferica (simili a palline) e non devono essere eccessivamente dure; lo sforzo non deve provocarti ansia e agitazione e soprattutto non deve essere eccessivo, se defecare ti richiede un affaticamento potrebbe esserci un problema di base. I sintomi provocati dalla stitichezza possono essere molteplici, come dolori addominali, mancanza di appetito, mal di testa, ecc.

2) Consuma la quantità necessaria di fibre che ti regolarizzeranno. La tua dieta deve essere rivista da uno specialista o da un Naturopata, è necessario aggiungere almeno 40 gr di fibre al giorno, la pasta deve essere sostituita con quella integrale e frutta e verdura non devono mai mancare. A seconda della situazione nutrizionale della persona potrebbe essere ottimale aggiungere legumi, carciofi e olive.

3) Alcune abitudini devono necessariamente essere riviste e seguite alla lettera, come nel caso dell’acqua. Bere la giusta quantità di acqua (non gassata!) può letteralmente trasformare il tuo organismo. Non reprimere mai il tuo istinto di andare al bagno e non trattenerla. Migliora la postura e fai in modo che la tua schiena sia sempre ben dritta, in questo modo la digestione sarà più semplificata. Mangia negli orari giusti e non cenare dopo le 20:00, in questo modo il tuo organismo avrà tutto il tempo che gli serve per digerire il cibo. Fai sport aerobico per regolarizzare il metabolismo.

Schema per capire se si soffre di stitichezza

4) Le medicine possono aiutare, ma fino ad un certo limite. Utilizza integratori come i probiotici che migliorano la digestione e favoriscono la regolarità e solo quando è strettamente necessario, se consigliato anche dal proprio medico, permettiti un lassativo. Solitamente questi farmaci sono utilizzati solo quando la stitichezza dura da molti giorni o quando sopraggiungono altri sintomi più gravi, ciò significa che il loro utilizzo non deve trasformarsi in una abitudine, d’altra parte non sono privi di effetti collaterali.

5) Non passare sopra al problema della stitichezza, dagli la giusta importanza poiché, a lungo andare, può divenire la causa scatenante di altre patologie quali emorroidi e ragadi anali che possono peggiorare il problema di base. Trascurarsi è deleterio per la tua salute!

Contattami se hai bisogno di aiuto!

You must be logged in to post a comment.

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni o disattivare i cookie clicca su Informativa Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi